Seminario Vescovile
Piazza Armerina

Biblioteca Mario Sturzo


Piazza Armerina 24 settembre - 26 ottobre 2014

La mostra è organizzata da:
Diocesi di Piazza Armerina
Archivio Storico Diocesano - sezione Chiesa Madre
Biblioteca "Mario Sturzo" - Seminario Vescovile
con la collaborazione della Area Soprintendenza per i Beni Culturali e Ambientali di Enna

Ideazione e Coordinamento generale:
Don Angelo Passaro - Giuseppina Zarbo



wishes to thank the following main sponsors for their generous support

33.mo Annual Meeting di Automation & Digital Libraries User Group

Tues. 23 Sep.:
14.30 Board-meeting (Museo Diocesano – Piazza Duomo 1)
18.30 Welcome evening at the Biblioteca Mario Sturzo (Via La Bella 3) & pre-registration
20.00 Library visit and welcome reception
21.00 Visit of the Roman Villa of Casale (departure from Hotel Villa Romana, Piazza A. De Gasperi, 18)

Wed. 24 Sep.:

Thurs. 25 Sep.: Progress in library technology - members & company developments

Fri. 26 Sep.: Activity issues (cont.)



The conference session will be live broadcast
on the web tv!



Powered by




Gallery1 | Gallery2 | Gallery3

Photogallery 23 sept. 2014:
Welcome and Visit of the Roman Villa of Casale

Sito in costruzione
Mario Sturzo fu vescovo di Piazza Armerina dal 1903 al 1941. La sua storia è strettamente legata agli eventi che vanno dagli inizi dell'unità d'Italia alla seconda guerra mondiale, da sacerdote e vescovo fece suo il motto di Leone XIII: "Instaurare omnia in Christo", aprendo la Chiesa alle nuove sfide della società. Lo fece con le idee, attingendo al patrimonio della Chiesa; con la vita, proiettandola in Dio; con l'azione, la più fervente, radicata nell'interiorità. Il pensiero era ossatura dell'azione e questa trovava alla scuola di Gesù la vera forza. Sta qui il fascino di una figura che non perde la dimensione dell'umiltà, di un pensatore ardito che sa piegare l'intelligenza all'obbedienza alla Chiesa, di un uomo di azione intraprendente, insonne per il gregge, guida di anime generose nell'apostolato. Sulla sua figura di vescovo e di uomo non cade l'oblio del tempo, al contrario la storia svela le ragioni del suo ministero e di quegli aneliti, che non tutti hanno saputo cogliere, altri travisato. La santità di Mario Sturzo si manifesta nell'essere in Cristo, e volere, goccia a goccia, con desiderio insaziabile, fondersi nelle croci quotidiane, con Lui. Ultimo anelito fu: "Cupio dissolvi ed esse cum Christo".